#BenSal, le pagelle dei granata: Djuric “non” la vede mai. Disastro Casasola, Schiavi ultimo ad arrendersi

Salernitana

A San Matteo la Salernitana mostra l’altra faccia, quella più brutta. Timida e con scarsa personalità nella prima frazione, distratta ed abulica in attacco nel secondo tempo. Sconfitta meritata contro un Benevento forte e soprattutto consapevole di esserlo. Le pagelle.

MICAI: incolpevole sui gol, si esibisce in almeno altri tre interventi importanti su Coda e Ricci. VOTO 6

SCHIAVI: perfetto su Coda, è l’ultimo ad arrendersi anche se si perde Asencio nell’occasione del quarto gol dei padroni dei casa VOTO 5.5

PERTICONE: commette un errore in appoggio da cui poi scaturisce il corner per il vantaggio del Benevento. Meno sicuro rispetto ad altre occasioni. Nell’ultimo quarto d’ora Improta gli scappa più volte. VOTO 5

GIGLIOTTI: doveva rappresentare l’anello debole della difesa ed invece tiene bene per oltre 70 minuti con Ricci che gli sfugge via solo una volta. Crolla nel finale.  VOTO 5.5

CASASOLA: si perde Maggio nell’occasione del gol. Timido, non spinge mai nella prima frazione. Meglio nel secondo tempo ma non è che ci volesse poi molto. Un mezzo disastro. VOTO 4.5

ANDERSON: guardingo nella primo tempo si limita a presidiare la sua zona di competenza senza mai spingere. Esce per infortunio alla testa. VOTO 5.5

DI TACCHIO: fatica ad impostare nel primo tempo non consentendo alla squadra di rimanere alta per costruire trame di gioco. Lento, commette molti errori con Viola che ha vita facile su di lui.  VOTO 4.5

CASTIGLIA: ci si accorge della sua presenza soltanto al momento dell’uscita dal campo per far posto a Di Gennaro. Ha una buona chance per calciare nel secondo tempo ma spara addosso ad un difensore.  VOTO 4.5

AKPRA’:  si conferma il migliore dei suoi. L’unico a provare a “strappare” nella prima frazione. Si becca un giallo, e rischia pure il rosso nel finale VOTO 6

DJURIC: prova a far alzare la squadra ma è troppo statico, e l’atteggiamento difensivo del primo tempo della squadra non lo aiuta di certo. L’impegno non manca ma il gol è un’altra cosa. VOTO 5

YALLOW: troppo nervoso si becca un giallo dando l’impressione di volersela prendere con il mondo intero. Talvolta, si scarta da solo, ha una buona chance di testa ma è troppo morbido nell’impatto. VOTO 5

DI GENNARO: prova a dare qualità in una serata nerissima. Discreta comunque la sua mezz’ora finale.  VOTO 6

PUCINO: entra al posto dell’infortunato Anderson. Almeno è fortunato con il Benevento che imperversa sul versante opposto. VOTO 5.5

COLANTUONO: al di là del modulo, a non piacere è l’atteggiamento di scarsa personalità che la Salernitana mostra contro un avversario di livello. Troppo bassa nella prima frazione ed incapace di costruire interessanti trame di gioco, la squadra granata ha una breve reazione nei primi 15 minuti del secondo tempo senza mai rendersi pericolosa.  Dopo quattro giornate di campionato la Salernitana da l’impressione di essere ancora un cantiere aperto, e questo contro squadre di caratura come il Benevento pesa. VOTO 5

A cura di Armando Iannece