Crollo ad Ascoli per i granata, le pagelle: terrificante Billong, Giannetti è un fantasma. Djuric, leone indomabile!

news

La Salernitana non passa al Del Duca ed esce sconfitta dalla trasferta in terra marchigiana. Una partita subito incanalatasi nel peggiore dei modi per i granata che hanno provato la rimonta senza arrivare a un risultato positivo. Di seguito, le pagelle del Cavalluccio:

Micai – È sempre stato elogiato per la prontezza dei riflessi e per l’esplosività tra i pali. E proprio su Morosini, nel corso della prima frazione, respinge una conclusione violenta e ravvicinata. Tuttavia, la rete d’apertura di Trotta e il raddoppio di Ninkovic coincidono con due errori difensivi e con altrettante sbavature del portiere. Voto 5

Karo – Un girone d’andata importante, una seconda parte di stagione totalmente insufficiente. La prova odierna è un altro tassello negativo della sua esperienza con la Salernitana. Macchinoso, impacciato e lento sulle sgroppate degli elementi offensivi bianconeri. Voto 5

Billong – Ritorna in campo dopo due panchine consecutive ed è chiamato a riscattare la prova mediocre offerta a Chiavari. Ulteriore giro fuori casa e orrori evidenti del difensore ex Benevento. È sfortunato sulla deviazione in occasione del tiro di Trotta che apre le danze. Ad inizio ripresa, invece, regala letteralmente il pallone al centravanti e gli spalanca le porte per il tris. Malissimo in fase di costruzione, i danni pesano sul voto finale. Voto 4

Jaroszynski – Non è la colonna polacca che ha accompagnato la Salernitana nel pre-lockdown. Alterna giocate preziose nella doppia fase ad autentiche a svarioni non intravisti nei mesi iniziali. Anche al Del Duca crolla assieme al reparto arretrato. Voto 5 (56′ Heurtaux – Non insacca in rete un tap-in tutt’altro che semplice, viene ribattuto al momento del tiro. Porta muscoli alla difesa e si oppone alle giocate d’attacco di Ninkovic e compagni. Voto 6)

Cicerelli – Torna dopo una lunga assenza, colleziona la prima presenza dalla ripresa successiva alla quarantena. La forma lascia a desiderare, la performance non è quella attesa. Cerca qualche azione personale ma si perde nei contrasti con gli avversari, zero squilli per il corridore destro. Voto 5 (76′ Gondo s.v.)

Akpa Akpro – Lotta, recupera nel momento di non possesso e prova ad accompagnare la manovra d’attacco dei compagni. Viene oscurato dalle maglie bianconere e cade nel dimenticatoio quando l’Ascoli si abbassa. Si avverte stanchezza, giusto farlo riposare in vista dei prossimi impegni. Voto 5.5 (56′ Capezzi – Ci si aspettava un suo inserimento dal primo minuto, viene buttato nella mischia ma si fa vedere col contagocce. Voto 5.5)

Di Tacchio – La partita non è semplice e subito s’indirizza su un binario sfavorevole alla squadra ospite. Il Capitano tenta di tenere a galla la scialuppa ma questa crolla e dà l’impressione di riemergere nel finale. Proprio in extremis, una sua rovesciata impegna Leali ma è una delle pochissime note liete della prestazione del mediano. Voto 5.5

Kiyine – Torna sotto la sufficienza dopo il banco di prova contro la Juve Stabia. Ha una buona opportunità nel primo tempo ma calcia fuori dallo stadio. Si riscatta con un rigore che apre lo spiraglio per una riapertura del risultato. Ha le potenzialità per fare di più. Voto 5.5

Lopez – Avrà limiti tecnici ma in quanto ad impegno e dedizione è uno dei migliori sul manto erboso dell’Ascoli. Corre in continuazione sull’out mancino, si conquista il penalty e confeziona l’assist a Djuric. Voto 6.5

Giannetti – Qualcuno l’ha visto in campo? Completamente evanescente, fuori da qualsiasi traiettoria e mai efficace in confronto al collega bosniaco. Sciupa un’altra chance che potrebbe essere il preludio all’addio a fine campionato. Voto 4 (46′ Cerci – Deve dare brio all’azione, sbaglia un passaggio velenoso e Lopez deve spendere un giallo. Ha un’occasione che può sfruttare in area ma perde il tempo. Esce per un problema. Voto 5.5 – 90′ Iannone s.v.).

Djuric – È un leone. E quella rete nel finale ne è l’emblema. Salta in aria alla ricerca della scossa, per guidare i compagni verso l’impresa. Duella con i centrali avversari, non tira mai indietro la gamba e resta il fulcro di questa Salernitana. Voto 7

Ventura – Restano incognite sulla scelta di Billong e sullo schieramento di un Giannetti inconcludente. Lo tradiscono anche i cambi con Cerci costretto al forfait. Voto 5

Tagged