Cuore Salernitana strappa un pari prezioso a Lecce

Salernitana

Primo appuntamento stagionale in trasferta per la Salernitana chiamata ad affrontare un Lecce baldanzoso dopo l’ottimo pareggio conseguito in casa del Benevento. Un match che ha vissuto una vigilia intensa, sia per i numerosi tifosi salentini che riassaporano la serie B al Via Del Mare a distanza di otto anni che per gli stessi protagonisti in campo atteso che fino all’ultimo minuto c’è stato il dubbio circa la disputa o meno dell’incontro a seguito delle pessime condizioni del manto di gioco. Alla fine il Dio del calcio ha deciso: palla al centro, si gioca! La Salernitana risponde presente attuando lo stesso sistema di gioco che l’ha vista impattare in casa contro il Palermo, ovvero il 3-5-2. Cambiano però gli interpreti con Di Gennaro in luogo di Di Tacchio, Vitale che surclassa Pucino sulla corsia mancina, ed il debutto di Jallow al posto del puntero argentino Vuletich.

Prima frazione di gioco che si conclude con il Lecce in vantaggio in virtù di un eurogol di Mancosu che in rovesciata supera Micai complice anche l’ennesima distrazione di Vitale che si perde letteralmente l’ex Casertana in area di rigore. Ad ogni modo, è stata una Salernitana deludente quella scesa in campo nei primi 45 minuti di gioco al Via del Mare. Compassata, incapace di costruire gioco, e soprattutto sterile in attacco, i granata hanno sofferto la maggiore vivacità dei pugliesi con un Falco che ha fatto ammattire Vitale. Bene solo Akpa. Le cose sono leggermente migliorate solo dal 35^, allorquando Colantuono ha avanzato la posizione di Gennaro spostandolo sulla trequarti ed inserendo Akpro in mezzo. Malissimo Djuric.

Seconda frazione che inizia subito con una novità di carattere tattico pe la Salernitana che inserisce Di Tacchio e Bocalon per Migliorini e Jallow passando così  al 4-3-1-2. La Salernitana intensifica la pressione offensiva e sembra più fluida nella  costruzione del gioco pur non creando importanti occasioni da rete.  Anzi la chances più importante è  sui piedi di Falco che, superato in velocità Vitale,  scocca un tiro a giro su cui  Micai  e’ strepitoso nella respinta in angolo.  Ma  da una invenzione di Di Gennaro nasce il pari di Bocalon che sfrutta appieno l’assist del compagno e di testa mette in rete la palla dell’ 1-1. Ma il match non è finito, e soprattutto gli “errori”  di casa Vitale continuano. Il terzino granata commette un ingenuo fallo su Chiricò. Sulla punizione seguente Falco sorprende Micai dai 25 metri con un tiro che supera la barriera. La Salernitana prova il tutto per tutto ma senza la luce di Di Gennaro non conclude granché, sino al 91^ dove un rimbalzo fortuito in aerea trova la conclusione vincente di Castiglia per il 2-2 finale. Punto prezioso per la Salernitana che esce così indenne dal temibile stadio salentino.

 

 

Reti: Mancosu 4^ Bocalon 72^, Falco 80^ Castiglia 91^

Lecce: Vigorito, Petriccione, Arrigoni, Mancosu, Meccariello, Pettinari, Falco, Lucioni, Calderoni, Fiamozzi, Scavone. A disp: Bleve, Cosenza, Chiricò, Lepore, Torromino, Haye, Marino, Dubickas, La Mantia, Tabanelli, Venuti, Armellino. Allenatore: Liverani

Salernitana: Micai, Vitale, Di Gennaro ( Palumbo 77^), Djuric, Casasola, Akpa Akpro, Schiavi, Castiglia, Migliorini ( Di Tacchio 45^), Perticone, Jallow (Bocalon 45^). A disp: Russo, Pucino, Mantovani, Odjer, Anderson D., Vuletich, Gigliotti, Di Tacchio, Palumbo, Bocalon, Anderson A., Mazzarani. Allenatore: Colantuono

Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo
Assistenti: Michele Grossi di Frosinone e Gamal Mokhtar di Lecco
IV Ufficiale: Daniele Paterna di Teramo

Ammoniti: Migliorini, Vitale, Castiglia, Arrigoni, Scavone.