Emergenza difesa, Casasola nei centrali e dentro D. Anderson. Quanti vantaggi per Cola!

Salernitana

Impossibile sino a qualche settimana fa, ora è diventata una certezza: nonostante i numerosi centrali in rosa, mister Colantuono è costretto a farne la conta per il match contro il Perugia in programma domenica pomeriggio allo stadio Arechi. Gli infortuni di Bernardini e Perticone abbinata alla squalifica per quattro giornate di Schiavi riducono il pacchetto arretrato a soli tre elementi di ruolo, Mantovani, Migliorini e Gigliotti. Ad onor di logica, e seguendo le indicazioni del campo, dovrebbero essere proprio questi tre a posizionarsi a protezione di Micai. Tuttavia, le alternative non mancano con Pucino e, soprattutto, Casasola pronti all’uso. Il primo è stato sovente utilizzato nella scorsa stagione da Bollini come terzo centrale di destra risultando spesso tra i migliori in campo, mentre per il giovane argentino si tratterebbe di un ritorno al passato avendo già giocato sulla linea difensiva sia a Trapani che nella breve esperienza di Alessandria. Colantuono stravede per lui, ne apprezza corsa e duttilità tattica, e molto difficilmente vi rinuncerebbe. Tuttavia, il suo arretramento in difesa è tutt’altro che ipotesi remota, e per due ordini motivi. In primis per l’inserimento dal primo minuto di D. Anderson, pienamente ristabilitosi dopo l’infortunio alla testa, più esplosivo e ficcante in fase di proposizione del gioco.  Ed appurate fin qui le difficoltà in fase offensiva della squadra, la capacità di progressione e cambio di passo dell’ex esterno del Bari potrebbe risultare molto utile, se non addirittura decisivo, per una maggiore pericolosità in zona gol della Salernitana. Inoltre, aspetto da non trascurare, l’inserimento di Casasola nella linea dei tre, consentirebbe a Mantovani di spostarsi al centro con Migliorini che scalerebbe in panchina. Non una bocciatura per l’ex Avellino ma certamente un’opportunità per Colantuono che avrebbe a disposizione un ulteriore centrale di ruolo da poter impiegare nel caso in cui le esigenze tattiche, e/o di infortuni lo richiederebbero. Ipotesi, idee a cui solo il trainer di Anzio darà una risposta in questi giorni di allenamento.

A cura di Armando Iannece