Furia Djuric si abbatte sul Cittadella. La Salernitana vince 4-2 e “vede” la salvezza

Salernitana

Match importante in chiave salvezza per la Salernitana chiamata a riscattarsi in campionato dopo le ultime quattro sconfitte in appena cinque incontri disputati. La classifica si fa rischiosa, ed i cinque appena che separano i granata dalla zona retrocessione diretta non consentono di far dormire sonni tranquilli. Vincere, o quantomeno racimolare un punto, Cittadella permettendo. La compagine allenata da Venturato scende all’Arechi con il piglio della favorita, conscia della sua forza da settima in classifica. Quest’ultima, forte in uomini ed assetto tattico, deve fare a meno del bomber Finotto, al suo posto Diaw. L’assetto rimane classico, ovvero 4-3-1-2 con Schenetti a far da raccordo tra centrocampo ed attacco. Contro una Salernitana convalescente, orfana di Akpà per squalifica, che ripropone Minala dal primo minuto e rilancia la coppia Jallow-Djuric, quella che in estate avrebbe dovuto far sognare la torcida granata ma che, invece, ha deluso. Pochi i tifosi presenti allo stadio, con la Curva Sud Siberiano quasi del tutto vuota.

Prima per la Salernitana al 1° mediante una conclusione dalla distanza di Di Tacchio respinta a fatica da Paleari. E’ l’anticamera per il gol. E nasce da una conclusione di Benedetti su cui Micai è bravissimo a respingere. Sulla ripartenza splendido assist di Casasola per Djuric che tutto solo insacca di testa la rete dell’1-0. Una gioia che dura poco, però, in quanto è Moncini al 13° a riportare il match in parità, sempre di testa sfruttando un vuoto lasciato da Migliorini. Cittadella vicino addirittura al vantaggio dopo appena un minuto con un batti e ribatti in aera che trova pronto Micai alla respinta bassa d’istinto. Il 2-1 arriva al 19° ed a timbrare il cartellino è ancora il Cittadella con Iori che in mezza girata, tutto solo in area di rigore porta avanti il Cittadella.

Seconda frazione che inizia con un colpo di testa di Migliorini su assist da calcio da fermo di Lopez che termina vicino al palo alla sinistra di Paleari. Stessa sorte per Jallow al 53°. Grande chance per Minala quattro minuti più tardi. Il camerunense sfrutta un rimpallo in area per calciare in scivolata a botta sicura ma un difensore sulla linea ribatte in angolo. La porta sembra stregata fino a quando è ancora Djuric, sempre di testa, a portare la Salernitana sul 2-2 su azione da calcio d’angolo battuto dal neo entrato Rosina. Ed è proprio il nuovo entrato a dare grande verve all’attacco della Salernitana, che giunge al 52° addirittura al vantaggio con Minala con un destro appena dentro l’area dopo assist di Jallow. Il Cittadella è tramortito, perde le misure del centrocampo lasciando molto campo, soprattutto in ripartenza alla squadra granata. E da un’azione di Jallow, tiro e palo alla sinistra di Paleari, nasce il 4-2 per i padroni di casa firmata da Djuric. Quest’ultimo, infatti, è lestissimo a sfruttare la palla vagante in area dopo l’azione del gambiano per firmare la sua tripletta personale.  Nel finale il Cittadella prova una sterile rimonta ma la compagine allenata da Gregucci riesce a tenere senza affanni il vantaggio, portando così una vittoria fondamentale in ottica salvezza.

Reti:  Djuric 2°, Moncini 11° Iori 20°, Djuric 60°, Minala 62°, Djuric 71°

Salernitana: Micai, Pucino, Lopez, Mantovani, Anderson D ( Rosina 57°), Djuric, Di Tacchio, Jallow ( Mazzarani 83°), Casasola, Minala ( Odjer 76°), Casasola. A disp: Vannucchi, Odjer, Vuletich, Rosina, Gigliotti, Calaiò, Memolla, Schiavi, Orlando, Anderson, Perticone, Mazzarani. All: Gregucci

Cittadella: Paleari, Benedetti, Iori, Adorni, Schenetti ( Panico 69°), Moncini, Siega, Drudi, Branca, Ghirindelli, Diaw. A disp: Maniero, Parodi, Settembrini, Camigliano, Frare, Panico, Scappini, Pasa, Proia, Bussaglia, Cancellotti. All: Venturato

Ammoniti: Micai, Jallow, Adorni, Iori, Minala

Spettatori: 2910 totali

Arbitro: Baroni ( Firenze)

Assistenti: Soricaro – Schirru

IV Pilitteri