I nuovi nostri: Pawel Jaroszynski, muscoli e polmoni per la fascia sinistra

calciomercato news Salernitana

Dopo aver sondato alcuni profili per il ruolo di laterale mancino impiegabile anche centrale di sinistra di una difesa a 3, la Salernitana, come ben noto, a Pawel Jaroszynski: il terzino ex Chievo classe ’94, occuperà un ruolo che potrebbe rivelarsi cruciale nello scacchiere tattico di mister Ventura, molto probabilmente già dalla partita di domani sera contro il Catanzaro. Il tecnico ligure ha conosciuto Jaroszynski nel corso della fugace esperienza clivense e lo ha impiegato da titolare in tre delle quattro partite affrontate alla guida dei “mussi volanti”: se nelle prime due il polacco si è disimpegnato da laterale di sinistra di centrocampo con alle sue spalle una difesa a 3, nella terza (Chievo-Sassuolo 0-2 del 4 novembre 2018) è stato invece schierato da centrale di sinistra con il ritrovato compagno Kiyine a fungere da laterale a tutta fascia davanti a lui. Una soluzione che Ventura, che ha impiegato il belga-marocchino proprio in quel ruolo per tutto il precampionato, potrebbe dunque riproporre a Salerno. È però d’uopo sottolineare come il neoacquisto granata sembri dare il meglio di sé da laterale piuttosto che da centrale difensivo, ruolo che può d’altro canto ricoprire anche grazie alla sua importante struttura fisica (184 cm x 83 kg). Jaroszynski è stato tra i meno peggio nell’ultima, infausta, stagione del Chievo, nel corso della quale ha collezionato 19 presenze in Serie A ed una Coppa Italia. Cresciuto nel Ks Cracovia, Jaroszynski è arrivato in Italia nel 2017, cortesia di un buon Europeo Under 21 con la nazionale polacca. Nelle due stagioni all’ombra del Bentegodi ha raccolto 30 presenze in Serie A ed è notevolmente cresciuto in quanto a letture difensive e capacità di tenere a bada la propria esuberanza fisica. Pur non rappresentando un portento sotto il profilo tecnico, il laterale polacco ha comunque destato buone impressioni grazie alla sua facilità di corsa, alla notevole resistenza e ad un’encomiabile abnegazione. Qualità che hanno spinto il Genoa ad un corposo investimento (4 milioni) che ha rappresentato – unitamente alle cessioni di Depaoli, Bani e Cacciatore – un’autentica manna dal cielo per le esangui casse del Chievo. Jaroszynski arriva, dunque, a Salerno con le credenziali giuste per affermarsi in un contesto che sembra decisamente adatto alle sue caratteristiche, pronto a misurarsi – agli ordini di un tecnico che lo ha già allenato e che l’avrebbe espressamente richiesto – con un campionato finora mai affrontato e che potrebbe rivelarsi un’ideale palestra tecnico-tattica per riconquistare quella Serie A arrivata nel posto sbagliato e nel momento sbagliato.

Foto: sito ufficiale Salernitana – www.ussalernitana1919.it

Tagged