Il tiro-cross di Casasola risponde al lampo di Menez: Salernitana-Reggina termina 1-1

news

Un primo tempo equilibrato, qualche folata offensiva da una parte e dall’altra. Occasioni nitide col contagocce, ma grande voglia di confermarsi e prevalere nel secondo tempo.

La ripresa si apre senza modifiche negli scacchieri di riferimento, i ventidue in campo ritrovano posto sul rettangolo verde di via Allende. Il tentativo iniziale è di Liotti con un calcio di punizione, mal eseguito, dal limite dell’area: sinistro impreciso e pallone in Curva. Risponde la Salernitana con un colpo di testa di Aya dagli sviluppi di un piazzato, traiettoria alta e impatto infelice.

Al 59′ Curcio si invola sulla corsia mancina e mette al centro un traversone indisioso, Djuric viene anticipato dalla difesa avversaria. Al 66′ Bellomo s’intestardisce in una manovra personale e calcia di sinistro dai venti metri, conclusione che si spegne fuori. Un minuto dopo è l’esperto Denis di testa ad impensierire Belec. Al 68′ è Crisetig con il destro a spaventare la difesa granata con un rasoterra che sfiora il palo.

La Bersagliera rientra nel match con un tacco mancato di Djuric e un tiro deviato di Tutino, non riuscendo a centrare lo specchio. All’82’ gli amaranto chiedono un penalty per una trattenuta di Migliorini ai danni di Faty: irregolarità avvenuta a gioco fermo. Sessanta secondi dopo, in contropiede, Menez infila la retroguardia della Salernitana dalla destra, si accentra e supera Belec. I festeggiamenti della Reggina vengono interrotti dal tiro-cross di Casasola che beffa Plizzari e ristabilisce la parità.

Cavalluccio sprecone nel finale con Gondo su servizio delizioso di Tutino, l’attaccante spara fuori da posizione interessante. Al 90′ i calabresi sfiorano il vantaggio con Menez: punizione ben calciata, deviazione della barriera e sfera di poco al lato. Al 92′ Tutino, a porta vuota, non trova la rete.

Al triplice fischio dell’arbitro Fabbri è 1-1 allo stadio Arechi: Salernitana e Reggina si dividono la posta in palio.

Salernitana (3-5-2): Belec; Veseli, Aya, Lopez; Casasola, Kupisz, Schiavone, Cicerelli, Curcio (73′ Migliorini); Tutino, Djuric (86′ Gondo). A disposizione: Micai, Russo, Karo, Bogdan, Galeotafiore, Iannoni, Lombardi, Gondo, Giannetti. Allenatore: Bocchini.

Reggina (3-4-1-2): Plizzari; Loiacono, Gasparetto, Rossi; Rolando, Bianchi (57′ Faty), Crisetig, Liotti (69′ Di Chiara); Bellomo (68′ Mastour); Ménez, Denis (81′ Laffery). A disposizione: Farroni, Guarna, Bertoncini, Delprato, Peli, Stavropoulos, De Rose, Folorunsho. Allenatore: Napoli.

Arbitro: Michael Fabbri di Ravenna (Edoardo Raspollini di Livorno e Alessandro Cipressa di Lecce). 

IV uomo: Matteo Marchetti di Ostia Lido.

Marcatori: Menez (R), Casasola (S).

Ammoniti: Tutino (S), Loiacono (R), Veseli (S), Rossi (R), Migliorini (S), Schiavone (S).

Tagged