La B non ricomincia, ma si ferma a…tre. Il punto della situazione

news

Il grande Massimo Troisi ricominciava da tre, ma la Serie B invece ha deciso di parafrasare Carlo Levi. Il celebre intellettuale italiano – costretto al confino dal regime fascista in quel di Aliano (Potenza) – affermò nella sua opera principale come Cristo si sia fermato a Eboli. Invece, il campionato cadetto si ferma alla terza giornata. Una decisione figlia del pronunciamento del TAR del Lazio che ha accolto i reclami di Pro Vercelli e Ternana e che ha ripassato la palla al Collegio di Garanzia del CONI, il quale si dovrebbe pronunciare in merito il prossimo 21 settembre. Nonostante il Presidente di tale organo, Franco Frattini, stia dichiarando in queste ore tutto e il contrario di tutto, chi ha studiato i rudimenti della matematica capisce benissimo che, con l’inserimento di 3 nuove squadre, si possono salvare le prime 3 giornate (una delle 3 ripescate giocherebbe a turno con la squadra che ha riposato e allo stesso tempo si sfidano le altre due), ma i calendari devono giocoforza essere rifatti dalla quarta giornata in poi.

Rimanendo alle questioni di campo, la 3/a giornata di Serie B ha visto per la prima volta in stagione in contemporanea i successi delle “magnifiche quattro”, vale a dire delle quattro compagini che a detta dei più sono le principali accreditate al salto di categoria. In rigoroso ordine alfabetico: Benevento, Crotone, Palermo e Verona. Gli Stregoni hanno espugnato il difficile campo di Venezia nell’anticipo del venerdì per 3-2 grazie alla doppietta di Bandinelli e al gol di Tello, rendendo vane le reti lagunari di Geijo e di Citro su rigore. I calabresi, nel Monday Night, hanno battuto in trasferta il Livorno per 1-0 grazie alla zampata di Nwanko nel finale. Successo in trasferta anche per il Palermo che espugna lo “Zaccheria” di Foggia per 2-1 con Salvi e Trajkovski che rimontano il vantaggio iniziale dei satanelli siglato da Kragl. Infine, il Verona è l’unica a vincere in casa, travolgendo 4-1 il Carpi – emiliani ancora a quota 0 punti – con tripletta di Giampaolo Pazzini.

Le “magnifiche quattro”, in ogni caso debbono sottostare al Cittadella. I granata di Venturato sconfiggono per 2-0 il Cosenza e con 9 punti sono l’unica squadra a punteggio pieno. La doppietta su rigore di Iori consente ai veneti di guardare tutti dall’alto in basso.

Il primo gol di Matteo Ardemagni con la maglia dell’Ascoli consente ai bianconeri di avere la meglio sul Lecce e di ottenere così i primi 3 punti stagionali, mentre il pareggio del pescarese Monachello a Brescia (lombardi in vantaggio con Morosini) costa la panchina a David Suazo, esonerato dall’incarico di tecnico delle Rondinelle dal presidente Cellino. Il quadro della 3/a giornata di B è completato dal successo della Cremonese sullo Spezia per 2-0 con i gol di Terranova su rigore e Brighenti. Questa la classifica del campionato cadetto:

Cittadella 9; Verona 7; Crotone 6; Salernitana, Cremonese, Palermo e Pescara 5; Benevento*, Perugia*, Ascoli e Padova 4; Venezia e Spezia 3; Lecce e Brescia 2; Cosenza 1; Livorno* e Carpi 0, Foggia -5

* una partita in meno

 

Tagged