La Salernitana e la prima all'”Arechi”, segno “X” a quota 11

news

Ieri la Salernitana ha cominciato il campionato che culminerà, nel prossimo mese di giugno 2019, nel proprio Centenario. E la Bersagliera, neanche a farlo apposto, con il risultato maturato col Palermo, ha raggiunto un interessante dato statistico. Il pari per 0-0 con i siciliani è infatti l’undicesimo segno “X” dei granata alla prima gara interna di campionato da quando si gioca all’Arechi.

Una serie iniziata proprio con la prima gara in assoluto nel Principe degli Stadi, Salernitana-Padova del 9 settembre 1990, terminata 0-0. E sempre con il risultato ad occhiali sono terminate Salernitana-Siracusa del 30 agosto 1992 e Salernitana-Leonzio del 12 settembre 1993, la prima di Delio Rossi in campionato sulla panchina granata.

Per ritrovare un pareggio alla prima all’Arechi, bisogna andare al 5 settembre 1999, quando la Salernitana di Cadregari riuscì in extremis con Di Michele a pareggiare il vantaggio del Cesena siglato da Campolonghi. Poi, ancora due 0-0. Si tratta di Salernitana-Ascoli dell’11 settembre 2003 e Salernitana-Treviso dell’11 settembre 2004, ultimo debutto di Aniello Aliberti nelle vesti di Presidente della società granata.

Il pareggio più beffardo della serie è quello del 3 settembre 2007. La Salernitana di Re Artù Di Napoli si trovò in vantaggio 1-0 sul Gallipoli con gol di Ferraro, ma in pieno recupero Morello gelò l’Arechi con una conclusione dalla distanza. Un segno X però fortunato, dato che in quella stagione i granata festeggiarono la B. Così come fu di ben auspicio l’1-1 interno col Cosenza, con Magli che replicò al vantaggio di Gabionetta su rigore, dato che anche quell’anno la Salernitana celebrò il ritorno in cadetteria.

Sempre nell’era Lotito-Mezzaroma gli altri due pareggi della serie. Si tratta di Salernitana-Verona 1-1 del 4 settembre 2016 con Coda che fece impazzire la Curva Sud Siberiano pareggiando il vantaggio scaligero di Ganz e Salernitana-Ternana 3-3 del 4 settembre 2017 (doppietta di Bocalon e Vitale su rigore per i granata, Tremolada, Albadoro e autorete di Bernardini per gli umbri).

Tagged