L’analisi del calendario della Salernitana – Partenza e fine in salita, “centro” più semplice

news

Il calendario della Salernitana? Una torta divisa in tre fette. Due toste e difficili da digerire all’inizio e alla fine, una dal contenuto calorico più agevole da mandare giù, quella centrale.

L’avvio della stagione non sarà dei più semplici. Nelle prime nove giornate, i granata di Ventura ospitano all’Arechi una di fila all’altra cinque delle formazioni più accreditate al salto di categoria. Il Pescara alla 1/a, il derby col Benevento alla 3/a, il Chievo (forse sulla carta la più “facile” del pacchetto) alla 5/a, il Frosinone alla 7/a e infine il Perugia alla 9/a. In mezzo quattro trasferte. Una ostica dal punto di vista ambientale a Cosenza alla 2/a, una improba dal punto di vista della lontananza a Trapani alla 4/a e poi due care ai tifosi dal punto di vista sentimentale. Livorno alla 6/a dove si ritroverà il Capitano Roberto Breda e Venezia all’8/a, una “rivincita” del playout (poi rivelatosi superfluo) dove si celebrerà la forte amicizia tra la tifoseria arancioneroverde e quella granata.

Proseguendo dalla 10/a alla 15/a giornata, il calendario si fa meno ostico ma certo non è da sottovalutare. In primis, perché ci sono quattro trasferte: Pisa alla 10/a, Cremonese alla 12/a, il derby del Menti contro la Juve Stabia alla 13/a e la “maledetta” di Cittadella alla 15/a. Con in mezzo le partite interne contro Virtus Entella all’11/a e Ascoli alla 14/a.

Poi, nel finale si torna a salire con un uno-due micidiale. Prima il Crotone in casa alla 16/a e soprattutto la trasferta di Empoli alla 17/a, in casa della compagine da tutti ritenuta quella da battere per la promozione in Serie A. Infine, il Pordenone in casa alla 18/a e lo Spezia in trasferta alla 19/a, ultima del girone d’andata.

Il momento cruciale? Probabilmente l’avvio del girone di ritorno. Quando si andrà a Pescara, a Benevento, a Verona contro il Chievo, a Perugia e a Frosinone. Se si riuscirà a strappare punti pesanti in quel frangente e non interverranno gli oramai tristemente noti fattori imponderabili, allora questa stagione potrebbe trasformarsi in qualcosa di veramente importante.

Tagged