Le pagelle di Salernitana-Ascoli: prodigioso Micai; Kiyine e Jallow irritanti

news Salernitana
Micai 7,5 – sempre attento quando chiamato in causa, prodigioso su Cavion e decisivo su Petrucci nel finale. Incolpevole sul gol, migliore in campo per distacco.

Karo 5 – Da Cruz e Scamacca sono due clienti molto scomodi, il cipriota li contiene come può ma in più di un’occasione va tremendamente in affanno. Rischia la frittata con un rinvio di testa che per poco Chajia non tramuta in rete.
Billong 6 – esordio in campionato non semplice per il centrale ex Benevento e Foggia, sfortunato coprotagonista sulla rete del pari. Avanza la sua candidatura in vista delle prossime partite.
Pinto 5,5 – colto spesso in inferiorità numerica, dal suo lato l’Ascoli sfonda più di una volta. In apnea nel momento di massima pressione avversaria.
Lombardi 6,5 – sin dall’inizio tra i più attivi e positivi, l’esterno di proprietà della Lazio impegna in più di un’occasione il portiere avversario Leali e trova la rete con un affilato sinistro ad incrociare. Cala, comprensibilmente, nella ripresa.
(dal 77′ Cicerelli s.v.)
Akpa Akpro 6,5 – quando c’è, ed è in giornata, la Salernitana si esprime spesso su ottimi livelli. Tra i migliori del primo tempo, nella ripresa si mette in trincea e tenta invano qualche sortita. Da migliorare le conclusioni dalla media distanza.
Di Tacchio 6 – pur avendo di fronte a sé la squadra che lo ha lanciato nel professionismo non si scompone. Lasciato più libero di orchestrare la manovra rispetto a molte altre occasioni, nel primo tempo dà il la a numerose offensive; nella ripresa funge spesso da centrale aggiunto.
Kiyine 5 – da lui, riportato in un ruolo più congeniale, ci si aspetta inevitabilmente sempre qualcosa in più. Manca di lucidità e di sveltezza nelle scelte, tanto da farsi spesso soffiare il pallone proprio sul più bello. A tratti è irritante. Questa Salernitana non può prescindere dal vero Kiyine.
(dall’81’ Maistro s.v.)
Lopez 6 – svolge diligentemente il compitino, tentando qualche sortita offensiva. Da una di queste scaturisce la rete ingiustamente annullata a Gondo.
Gondo 5,5 – si batte con una delle coppie centrali meglio assortite (per età, caratteristiche tecniche e fisiche) della categoria con encomiabile impegno. Poco in sintonia con Jallow, lui però il gol lo aveva trovato. E, forse, sarebbe valso a chiudere la partita.
Jallow 4,5 – prestazione abulica dell’attaccante gambiano, poco associativo coi compagni e spesso impreciso in sede di rifinitura in occasioni che avrebbero meritato maggiore lucidità.
(dal 69′ Djuric 5) – nel finale ha la grande occasione per riportare la Salernitana in vantaggio, ma spreca malamente esaltando i riflessi di Leali.
Ventura 5,5 – la sua Salernitana, una volta passata in vantaggio, continua a mostrare il braccino. L’Ascoli, ben contenuto e punito nella prima frazione di gioco, sovrasta i granata per tutti i restanti 45 minuti di gioco. La gigantesca attenuante della topica arbitrale può valere per la gara in oggetto, ma l’andamento della sua Salernitana è questo da parecchio tempo. D’altro canto, le soluzioni in panchina scarseggiano e certi calciatori arrivati con la fama di top player sono stati, nella migliore delle ipotesi, sinora del tutto irrilevanti. La zona play-off, intanto, si allontana.