Mazzitelli abbatte una spenta Salernitana, le pagelle: Billong male, Gondo e Kiyine i peggiori. Djuric, che sfortuna!

news

La Salernitana cade sul campo della Virtus Entella, Mazzitelli regala tre punti pesanti alla squadra di Boscaglia e rallenta il cammino di Ventura. Apparsa spenta e non lucida, la squadra granata ha offerto un’altra prestazione sottotono. Di seguito le pagelle:

Vannucchi – Uno dei dubbi della vigilia riguardava la porta: il titolare Alessandro o il gregario Gianmarco? E la scelta del mister è ricaduta sull’ex Alessandria. I guantoni dell’estremo difensore replicano alla fiducia con un intervento miracoloso, dopo pochi minuti dal fischio iniziale, sulla botta ravvicinata di Settembrini. Nulla può, invece, sul vantaggio di Mazzitelli, sventa il possibile raddoppio degli avversari su un diagonale di Morra. Voto 6.5

Aya – Meglio rispetto alla gara casalinga di sei giorni fa. Si stacca dalla terzetto e si propone spesso sulla destra come soluzione in fase di impostazione. È colui che costruisce l’azione offensiva più pericolosa nel primo tempo: sfrutta il traversone dal corner e impatta al volo, il portiere dell’Entella respinge. Resta comunque sotto la sufficienza Voto 5.5

Billong – Macchinoso, lento e impacciato. Sbaglia tanto nella doppia fase di gioco. È uno dei protagonisti in negativo in occasione del gol dei liguri: abbocca alla finta di Rodriguez e lascia una prateria all’autore della rete. Prestazione totalmente da rivedere per il francese. Voto 5

Jaroszynski – È il baluardo della retroguardia granata. Tutt’altro che positivo al ritorno in campo contro il Pisa, in evidente crescita questa sera. Tuttavia, sembra permanere una mancanza di comunicazione con i compagni di reparto. È il migliore per quanto concerne il terzetto davanti a Vannucchi. Voto 6.5

Kiyine – Ancora insufficiente. E non vuol essere un accanimento nei confronti del numero 13. È l’uomo con maggiori qualità nello scacchiere di Ventura ma fallisce qualsiasi tentativo di dribbling e intenzioni di passaggio. L’involuzione prosegue, sbaglia la diagonale e viene sostituito intorno all’ora di gioco dopo aver combinato nulla. Voto 4.5 (62′ Jallow – Subentra e viene inserito in una posizione inedita, cerca di creare qualche pericolo. Premiamo la volontà. Voto 6)

Akpa Akpro – Solita prova di consistenza e fisicità. La condizione non è ottimale ma accompagna la manovra d’attacco e duella con i dirimpettai. Cerca di offrire qualche traccia differente e spende tante energie, tra i pochi a salvarsi dal ko. Voto 6

Di Tacchio – È arrugginito. E si vede. Perde qualche pallone di troppo nel momento della costruzione, rischia di far ripartire l’Entella in contropiede e spende un giallo al quarto d’ora che gli limita qualsiasi tipo di entrata nel corso del match. Serve continuità nelle gambe per ritrovare smalto. Voto 5.5

Maistro – Evanescente. Si ricorda per una doppia conclusione: centrale e semplice nella frazione iniziale, di poco al lato nel corso del secondo tempo. S’inserisce col contagocce e soffre la densità degli avversari. Voto 5 (62′ Dziczek – Chiamato a dar una mano ai compagni, si vede più nel momento di rottura che in fase di proposizione. Voto 5.5)

Curcio – Prima da titolare in maglia granata. Prima della sfida di Chiavari, l’ex Brescia aveva racimolato appena 21′ contro il Chievo. Poi una lunga assenza e la scelta a sorpresa vista l’emergenza. Alterna buoni spunti a cross assolutamente fuori portata, perde il marcatore in alcune circostanze ed è ancora lontano dai meccanismi di squadra. Voto 5.5 (77′ Lopez s.v.)

Gondo – Fa a sportellate, tocca molte volte la sfera ma fallisce sempre la giocata. Prestazione incolore, appare nervoso in vari tratti della gara e non approfitta anche degli svarioni degli avversari. Voto 4.5 (85′ Iannone s.v.)

Djuric – Nulla si può imputare a Milan. Fa il possibile su rinvii totalmente errati e sui passaggi lontani dal radar personale. È un gigante ma servito una sola volta a dovere e trova l’opposizione della traversa. Combatte con i diretti marcatori ed è l’ultimo a mollare. Voto 6

Ventura – È in difficoltà dal punto di vista di quantità dell’organico. Attua un mini-turnover in vista degli impegni ravvicinati, esce sconfitto e con incertezze dalla trasferta del Comunale. Voto 5

Tagged