Nessuna rivoluzione, due innesti di “qualità” per il nuovo campionato di gennaio

Salernitana

Testa al difficile match contro il Pordenone, dopo il Benevento l’avversario più in forma del campionato. Ciò nonostante, pur non entrando pienamente nel merito, nel corso della conferenza stampa pre gara, mister Ventura ha espresso un fugace pensiero sul mercato evidenziando, in primis, il valore del gruppo attuale, in crescita rispetto a quattro mesi fa, ma soprattutto sottolineando come lo stesso non necessiti di alcuna rivoluzione bensì di qualche aggiustamento che potrebbe garantirgli quel salto di qualità necessario per competere per i primi posti in campionato.  Nomi non se ne sono ( ovviamente ) fatti, tuttavia, il trainer ligure ha fatto chiaramente intendere che potrebbero essere utili due innesti,  atteso che :”quando si finalizza il lavoro svolto, è tutto perfetto”. Ergo, non si è parlato di reparti ma è chiaro che in attacco potrebbe risultare molto utile un elemento in grado di sfruttare al meglio le occasioni create. Al riguardo, come detto,  piace molto Tutino e si segue con interesse A. Anderson, che la Lazio vorrebbe fare maturare per un’altra stagione. Quanto al centrocampo, potrebbe giungere un regista in attesa della crescita di Dziczek mentre in difesa molto dipenderà dalla condizione di Heurtaux, un elemento in grado di fare la differenza se recuperato al 100%. Ma, oggi, testa al Pordenone, giustamente etichettato da Ventura come una delle compagini più in forma del campionato. Una prestazione importante, condita magari con un successo, potrebbe dare una maggiore spinta in ottica mercato alla società  granata. D’altronde a gennaio inizia un nuovo campionato e la Salernitana ha tutta l’intenzione di farsi trovare pronta.

Armando Iannece