Poca Salernitana al Bentegodi: 2-0 Chievo. Si ferma anche Lombardi

news Salernitana

La Salernitana si ferma al Bentegodi. Giaccherini concede la replica e trova la personale doppietta in un secondo tempo non così diverso dal primo, con i granata – se possibile – ancor meno pericolosi del primo tempo. Unica nota vagamente positiva di una serata stregata il positivo ingresso in campo di Jallow. Al 49′ Cesar svirgola e si lascia scappare Gondo, che viene atterrato dal capitano clivense: giallo per lui e punizione dai cui sviluppi Lombardi conclude alto. È l’ultima azione per Gondo, che lascia il campo a Jallow. Il nuovo entrato si fa notare al 58′, autolanciandosi in velocità su un filtrante di Lombardi e trovando la pronta risposta di un ben piazzato Semper. Al 60′ arriva il primo cambio anche per il Chievo: fuori Obi e dentro Esposito. Il giropalla della Salernitana continua ad essere lento, ma l’impatto di Jallow sulla partita è importante: al 64′ sfugge per l’ennesima volta a Cesar dopo avergli soffiato il pallone e solo una chiusura in angolo di Leverbe evita guai peggiori per il Chievo. Al 67′ Garritano trova Djordjevic e conclude forte sul primo palo, trovando la pronta risposta di Micai. Il gioco però era fermo, il centravanti era in fuorigioco. Sugli sviluppi dell’azione successiva, Lombardi va a contrasto con Esposito e ricadendo si tocca la coscia e lascia il campo addirittura in barella. Al posto del numero 25 esordisce in granata Curcio. Al 70′ Giaccherini trova la doppietta, chiudendo sul primo palo con un sinistro che non lascia scampo a Micai. La Salernitana cerca la reazione, ma i traversoni sono lenti e Semper li blocca tutti in presa alta. La gara scorre via senza troppi sussulti, al 91′ Garritano tenta una conclusione da fuori area che si spegne a lato; un minuto dopo ci prova Jaroszynski dai 35 metri, ma Semper è ancora una volta attento. Null’altro da segnalare nei 5 minuti di recupero concessi da Fourneau. Esame non superato per la Salernitana, che sarà chiamata al pronto riscatto contro il Livorno all’Arechi.