Ros, quando con la Salernitana il segno è “X” è sempre spettacolo

Published on: 13 novembre 2017

Filled Under: News

Views: 446

Tags:

La “maledizione” di Riccardo Ros prosegue. Domenica scorsa è stato il nono faccia a faccia tra la Salernitana e il fischietto di Pordenone. E per la 9/a volta, i granata non sono riusciti a ottenere l’intera posta in palio. Il pareggio contro il Cesena è il quinto con Ros a dirigere (completano il quadro generale 4 sconfitte). Ma vi è una singolare curiosità. Dei 5 segni “X” con l’arbitro friulano, ben 4 hanno visto una pioggia di gol. Il 3-3 di domenica scorsa fa il paio con il 3-3 dello scorso 4 settembre 2017 tra la Salernitana e la Ternana, sfida valevole per la 2/a di campionato. Anche in quell’occasione, la compagine di Bollini fu costretta a rimontare per tre volte gli avversari. Le Fere si erano portate in vantaggio prima con Tremolada, poi con Albadoro e infine con un’autorete di Bernardini. La Salernitana replicò tre volte con la doppietta di Bocalon e poi con Gigi Vitale.

Altri pareggi spettacolo sono due 2-2. Il primo è datato 16 novembre 2013, quando la Salernitana di Perrone pareggiò 2-2 nella sfida valevole per la 12/a giornata di Lega Pro Prima Divisione a Catanzaro. Calabresi in vantaggio con Fioretti, poi Guazzo pareggia dal dischetto. Il rigore venne decretato per un colpo inferto da Rigione (poi espulso) allo stesso attaccante granata, a palla lontana ma in gioco. I giallorossi si riportarono in vantaggio con un rigore di Germinale fischiato per un presunto fallo di mano di Piva. Ma, a pochi minuti dal termine, Ettore Mendicino accontentò tutti con un preciso colpo di testa. L’altro 2-2 è del 27 aprile 2014, quando per la 33/a giornata di Lega Pro Prima Divisione, la Salernitana di Gregucci rimontò l’iniziale vantaggio del Perugia siglato da Mazzeo con Mendicino e Perpetuini. Moscati dal dischetto siglò il pareggio per il Grifo.

Comments are closed.