Salernitana-Rappresentativa Sele-Tanagro 9-0 Billong impressiona al centro della difesa. Bene Castiglia da centrale.

news Salernitana

Prima uscita in ritiro per la Salernitana. In quel di San Gregorio Magno la formazione granata allenata da mister Gian Piero Ventura ha battuto con il risultato di 9 a 0 una rappresentativa del Sele Tanagro (avente tra le propria file l’ex attaccante Orlando). Data l’inconsistenza degli avversari il test è da prendere con le cosiddette “molle”, ma ad una settimana (quasi) dall’inizio dei “lavori in corso” qualche elemento ha già mostrato di calarsi bene nella nuova avventura: il centrale Billong, ad esempio, schierato da perno difensivo nel terzetto arretrato ha saputo ben disimpegnarsi palla al piede, mostrando personalità e piede abbastanza sensibile nella fase dell’impostazione dalle retrovie. In mediana, nel primo tempo (complice l’assenza di Ferrari), sono stati schierati Di Tacchio quale regista dinanzi la difesa affiancato da Akpa e Maistro. Sugli esterni spazio a Kiyine e Cicerelli. In attacco il tandem era composto da Djuric e Giannetti. Ancora appesantito per la grossa mole, il gigante serbo mentre Giannetti ha siglato la prima rete grazie ad uno svarione del portiere avversario. Il raddoppio, invece, su assist di Akpa Akpro è stato servito con una prodezza di Kiyine in semi-rovesciata. Nel secondo tempo, Pucino, Migliorini e Gigliotti hanno composto il terzetto difensivo con la sorpresa Castiglia in mezzo al campo affiancato da Morrone ed Odjer. Sugli esterni Lombardi a destra e Lopez a sinistra a supporto del tandem offensivo Calaiò-Jallow. Hanno destato ottima impressione, nella circostanza, Odjer e l’ex Pro Vercelli nell’inconsueta posizione di centrocampista centrale proteso a dettare tempi e ritmi della manovra. Minimo sindacale per  Calaiò che ha siglato il goal dal dischetto. Il risultato finale (fine a se stesso) racconta di un 10- 0 per i granata: a segno, tra gli altri, Jallow (doppietta), Lopez Odjer, Gigliotti, Migliorini. Insomma, buona la prima in attesa di qualche rinforzo dal calciomercato e di test più probanti in termini di coefficiente di difficoltà.