Salernitana, serve un budget importante per sbloccare subito il mercato

Salernitana

Mercato in fase di stallo per la Salernitana chiamata a puntellare l’organico per sperare in un girone di ritorno maggiormente competitivo. Due le priorità, un difensore centrale ed un attaccante, dopodiché, ulteriori entrate saranno la logica conseguenza delle uscite. Ergo, dovesse essere ceduto Firenze, si procederà all’acquisto di un suo sostituto. Stesso discorso per Lopez e Giannetti. Invero, piuttosto ingenerose appaiono le critiche sul web nei confronti del terzino uruguaiano che sotto la gestione Ventura, ogni qualvolta è stato chiamato in causa,  ha sempre fornito un discreto contributo. Discorso diverso per  Giannetti, autore fin qui di prestazioni modeste. L’ex Cagliari piace al Livorno ed una sua partenza non appare così improbabile. Kalombo si dirige verso un ritorno in Lega Pro ( Avellino?), così come Morrone per il quale non è da escludere l’ipotesi Rieti. Ma l’interesse maggiore, ovviamente, concerne l’arrivo del bomber che, al momento, appare davvero difficile da individuare, sostanzialmente per due motivi, l’uno economico e l’altro tecnico. Il mercato di gennaio è costoso perché  chi ha i buoni giocatori tende a tenerseli e valorizzarli,  salvo nel caso in cui giungano offerte allettanti, in alcuni casi irrinunciabili. Per questo, ad esempio,  il Benevento ha dovuto sborsare oltre 3 milioni di euro per Moncini, mentre il Frosinone sarebbe disposto ad una follia (5 milioni?) per riportare La Mantia in serie B.  in sintesi, disporre di un budget sostanzioso a gennaio può fare la differenza. E la Salernitana? Inutile illudersi, difficilmente la società granata sosterrà un investimento di tali proporzioni. D’altronde, se avesse voluto,  Lotito  l’avrebbe già fatto a luglio. Pertanto, si dovrà dragare a fondo il mercato sperando nell’occasione, anche Last minute.
Ciò  potrebbe comportare un dilatamento dei tempi per consegnare a Ventura quei rinforzi necessari per un deciso salto di qualità della squadra.