Salernitana sotto al 45′: per ora al Curi la decide Mazzocchi

news Salernitana

Nel silenzio del Curi, la Salernitana chiude il primo tempo sotto di una rete. Il Perugia, che si è fatto preferire in questa prima frazione di gioco, parte subito forte: al 4′ Nicolussi Caviglia batte verso la porta su punizione dal vertice dell’area di rigore; Micai si oppone a mani aperte e sugli sviluppi della concitata azione viene segnalato un fuorigioco di Aleandro Rosi. Gli umbri nei primi minuti si fanno cedere prevalentemente su calcio piazzato. La Salernitana, guidata dal tandem Genovese-Lombardo, attende raccolta all’interno della propria metà campo, cercando le punte con i lanci lunghi. All’11’ Falcinelli si va trovare libero in posizione (regolare) di ala sinistra, ma il suo traversone non viene impattato dall’ex Falzerano; la palla arriva a Mazzocchi, il cui sinistro termina sul fondo. Ancora Perugia al 15′: il sinistro a incrociare di Nicolussi Caviglia trova la respinta di Micai, con la successiva conclusione di Falcinelli deviata in angolo dalla scivolata di Billong. Dagli sviluppi del corner, la Salernitana parte in contropiede con Cerci, che però cerca la soluzione personale e viene chiuso nel momento in cui – arrivato al limite dell’area – si mette la palla sul destro. Al 22′ il Perugia mette a frutto la pressione esercitata per tutto il primo quarto di gara: Nicolussi Caviglia trova la traccia interna per Di Chiara, che crossa basso al centro dell’area; il pallone arriva a Mazzocchi, che fredda Micai con un destro secco che passa tra le gambe dell’incolpevole numero 12 granata. Al 25′ primo tiro in porta per la Salernitana, con Cerci che con una conclusione da fuori area non impensierisce Vicario su suggerimento di Maistro. Al 28′ sempre Cerci guadagna una punizione dai 30 metri per fallo dell’ex compagno di giovanili Greco; dal piazzato scaturisce uno schema che aveva trovato Kiyine libero in area, ma il suggerimento di Dziczek per l’ex Chievo è appena troppo lungo e la palla si perde sul fondo. Al 32′ un lancio lungo di Billong trova Maistro sulla sinistra, l’ex Rieti trova a sua volta Lopez, il cui traversone viene messo in corner, il primo di una serie di tre consecutivi che non sortiranno alcun effetto. Al 39′ Akpa Akpro tenta il numero a pochi metri dalla propria area di rigore, con Greco che lo falcia e si prede il primo giallo della partita. Due minuti dopo tocca a Kiyine iscriversi alla lista dei cattivi. Praticamente nulla da segnalare nei successivi sei minuti di gioco, recupero di sessanta secondi compreso. La Salernitana, per raddrizzare la partita, dovrà fare molto di più.