Serie B, la presentazione della 16/a giornata – Verona-Pescara e Brescia-Lecce, profumo d’alta classifica

news

La 16/a giornata di Serie B 2018/2019 inizia questa sera con l’anticipo tra Foggia e Cremonese. Esonerato Gianluca Grassadonia e con Delio Rossi che oramai sta diventando più sogno che realtà, sulla panchina dei Satanelli si siederà il tecnico della Primavera Cristiano Pavone. I grigiorossi di Rastelli cercheranno di approfittare del momento di sbandamento dei rossoneri per avvicinarsi alla zona playoff.

Tre le partite che si disputeranno sabato alle 15. La capolista Palermo ospita il Livorno nei più classici dei testacoda di classifica. Il tecnico dei rosanero Stellone deve rinunciare al bomber Nestorovski, fermato da un indurimento al polpaccio. Il Perugia ospita al “Curi” lo Spezia e l’allenatore degli umbri Nesta farà a meno di Felicioli e Cremonesi, ma Melchiorri è a disposizione. A completare il quadro, vi è Ascoli-Cittadella.

Alle 18, il Benevento va a Cosenza nel tentativo di riscattare lo scivolone interno con il Verona. E per farlo, l’allenatore degli Stregoni Bucchi non può contare su Viola e Maggio, assenti per infortunio che si sommano agli squalificati Costa e Volta.

Domenica alle 15, oltre Carpi-Salernitana, vi è Crotone-Venezia. Zenga torna nella piazza dove lo scorso anno ha sfiorato la salvezza in Serie A. Salvezza che attualmente è l’obiettivo dei calabresi anche in cadetteria. Oddo, alla ricerca della prima vittoria da quando si trova alla guida degli Squali, non può ancora contare su Nalini, Marchizza, Crociata e Aristoteles. Alle 21 Brescia-Lecce. Donnarumma, giustiziere della Salernitana settimana scorsa, vuole ripetersi in quello che a tutti gli effetti è un autentico scontro diretto per la zona alta della classifica.

Così come lo è il posticipo del lunedi, un Verona-Pescara dove saranno in palio punti pesantissimi. Il tecnico degli scaligeri Grosso è costretto a rinunciare a Di Carmine, oltre che allo squalificato Balkovec mentre quello degli abruzzesi Pillon non potrà contare su Campagnaro, Capone, Fiorillo e Melegoni

Tagged