CAOS SERIE B: Consiglio di Lega B è una battaglia tra società divise sulla sospensione del campionato

Scritto da Gilberto Scalea  | 

Dopo tre ore di battaglia tra i suoi componenti, il Consiglio di Lega della Serie B ha evitato di mettere ai voti la proposta di sospendere il campionato per non andare divisi ad uno scontro che avrebbe spaccato sostanzialmente in due fazioni la Lega Calcio cadetta.

E' passata dunque una linea “di attesa”: sabato il campionato si gioca (ovviamente non Pescara-Entella), ma domenica mattina si terrà, sempre da remoto, una Assemblea di Lega, non più il Consiglio che è organo ristretto e di governo, ma l'Assemblea di tutti i presidenti della B.

Spetterà a tutte le società esprimersi e prendersi la responsabilità di dare una risposta definitiva sul prosieguo o sulla sospensione del campionato. La B va avanti, dunque, almeno sino a sabato.

Il Consiglio di Lega ha messo un solo paletto, ma importante in questa situazione caotica: l'organismo di governo della B ha stabilito che in ogni caso le gare del Pescara che saranno da recuperare al termine dell'emergenza coronavirus nel capoluogo abruzzese (Pescara-Entella, Cosenza-Pescara e Pescara-Reggiana) non saranno giocate in coda al campionato ma sempre e comunque entro le ultime e decisive giornate della stagione, a costo di uno slittamento in avanti dei tempi di chiusura del campionato.

La Salernitana in tutto questo è spettatore interessato per la corsa alla promozione diretta con il Lecce e anche perchè tra le partite che l'attendono ha all'ultima giornata proprio la compagine Abruzzese del Pescara.