Finisce in parità il big match Guiscards-Longobarda

Sono molti i rimpianti per gli uomini di mister Marigliano

SALERNO GUISCARDS-LONGOBARDA 1-1

SALERNO GUISCARDS (4-3-3): Cioffi; Germano (46’ Darhrham), Grassadonia (79’ Foglia), De Dominicis, Mogavero; Ciardiello (56’ Chianese), Iannone, Amato; Canigiani (77’ Lanzara), De Cesare (65’ Orrico), Senatore. A disposizione: Pastore, Pederbelli, Cavaliere, Santucci. All. Guadagno

LONGOBARDA (4-3-3): Valiante; Varriale, De Simone, Trotta, Cucciniello; Barra, Memoli, Camorani (83’ Collina); Sorrentino, Lanaro (69’ Fortunato), Aprea (76’ Gregori). A disposizione: Bassi, Caiazzo, Marsano, Pietrofesa, Santucci, Trivigno. All. Marigliano

ARBITRO: Castellano di Castellammare di Stabia

RETI: 21’ Germano (S), 38’ Lanaro (L)

NOTE: Spettatori 200 circa.

Ammoniti: Memoli (L); Valiante (L), Grassadonia (S), Sorrentino (L), Cioffi (S), Sorrentino (L), Iannone (S), Camorani (L), Collina (L).

Angoli 5-2 per la Salerno Guiscards.

Recupero 2’ pt, 4’ st

Finisce in parità il big match tra Salerno Guiscards e Longobarda Salerno con non pochi rimpianti per gli ospiti che avrebbero potuto fare propria l'intera posta in palio. Prima parte del match di studio tra le due formazioni con poche emozioni e pochi spazi per giocare, ma è il vantaggio dei padroni di casa a sbloccare anche emotivamente la sfida. È Valiante che al 21' su un rilancio lungo si lascia sfuggire il pallone e così Germano ne approfitta appoggiando comodamente in porta. Gli ospiti reagiscono prima con Aprea che colpisce incredibilmente la traversa con un pallonetto a Cioffi battuto, poi con Lanaro che su cross di Memoli incorna di testa e sfiora il secondo palo. Germano di testa potrebbe raddoppiare ma stavolta Valiante compie un grande intervento di piede. Al 38' Memoli batte un corner, mischia in area, palla a Varriale che con una rovesciata la rimette in mezzo, la palla arriva a Lanaro che con una fulminea girata al volo di sinistro insacca per l'1-1. La seconda frazione di gioco vede le due formazioni calare di tono, complice anche il caldo primaverile. Girandola di sostituzioni, l'equilibrio sembra perdurare, se si esclude un rigore ai più parso evidente per gli ospiti grazie ad una percussione di Aprea in area che supera due avversari e viene atterrato, ma il direttore di gara non fischia. È al solo al 41' che il match potrebbe prendere la strada della vittoria degli uomini di mister Marigliano, quando il neoentrato Collina di testa indirizza il pallone nell'angolo, ma Cioffi compiere un autentico miracolo. In apertura da segnalare l'ingresso in campo delle due formazioni con i piccoli dei due settori giovanili, momento fortemente voluto dalle due dirigenze per stemperare la tensione e per rinsaldare il rapporto d'amicizia tra le due realtà salernitane.