Furia Iervolino: blitz al Mary Rosy ed ultimatum a Nicola

Scritto da Antonio Scafuri  | 

All'indomani della sconfitta della Salernitana in casa contro il Milan, alle ore 13:00 il presidente Iervolino si è recato di persona al centro sportivo Mary Rosy per tenere a rapporto tutta la squadra, dai calciatori fino ai membri della dirigenza. Il messaggio è chiaro: al presidente non sono andate giù le ultime prestazioni scialbe dei granata che hanno collezionato ben 3 sconfitte consecutive e che hanno raccolto solo 1 punto nel mese di Novembre. La squadra arrembante che ha battuto la Lazio all'Olimpico lo scorso 30 Ottobre sembra una lontana parente ormai di una squadra arrendevole, senza idee e determinazione di questa ultima parte del girone di andata. Sul banco degli imputati vi sono Davide Nicola ed il DS Morgan De Sanctis: il tecnico ha colpe evidenti di un errato assetto tattico e la perseveranza di insistere in errori tattici e schierare giocatori fuori ruolo, mentre al DS vengono imputate colpe di aver preso dal mercato elementi non utili o almeno non pienamente accettati dal tecnico. In questa diatriba tra le parti, i giocatori in campo sembrano soffrire di più lo smarrimento e la sensazione di navigare a vista, mancando di quel leader, in campo e fuori, in grado di infondere la forma mentis adatta per gestire le situazioni di crisi e quindi nel tirare la barca fuori da questa tempesta di risultati negativi. Al termine della visita del presidente Iervolino, il messaggio si è concretizzato con un ultimatum a Davide Nicola: sarà assolutamente obbligatoria una vittoria contro il Torino nel prossimo match di domenica 8 Gennaio all'Arechi altrimenti il tecnico piemontese potrà definirsi ufficialmente esonerato. Inoltre, il presidente granata ha tenuto a rapporto i senatori della rosa ad un senso maggiore di responsabilità e di prendere le redini dello spogliatoio in maniera più decisiva nell'evitare qualsiasi forma di deriva mentale di tutto il gruppo.