"Salernitana: tra speranze e incertezze per la serie B 2024/25"

In casa Salernitana, nonostante le rassicurazioni che trapelano dai vertici societari, regna una certa confusione nella programmazione della nuova stagione di Serie B. Il club di Danilo Iervolino è al lavoro per mettere a punto la squadra, ma le informazioni sui possibili direttori sportivi e allenatori contattati o solo sondati, alimentano più dubbi che certezze.

Il piano iniziale prevedeva di costruire una squadra giovane e talentuosa, con l’obiettivo di tornare in Serie A entro tre anni. Tuttavia, le scelte sul tavolo sembrano indicare una mancanza di direzione chiara. Gianluca Petrachi era stato il primo nome valutato per il ruolo di direttore sportivo, una figura di grande esperienza che avrebbe richiesto investimenti significativi per costruire una squadra competitiva subito. Petrachi, con la sua voglia di riscatto, avrebbe puntato a una rapida promozione sfruttando le risorse disponibili.

Diversamente, Pasquale Maiorino rappresenta un’opzione più orientata alla sostenibilità e alla crescita graduale. Con una solida esperienza nelle selezioni giovanili, Maiorino potrebbe avviare un progetto di rifondazione, mirato a valorizzare i giovani e ridurre i costi. Questo approccio paziente potrebbe risultare più adatto a una gestione finanziaria oculata e a un miglioramento costante nel tempo.

Giancarlo Romairone, infine, è un altro nome sul tavolo, ma con un profilo diverso. Legato a Cristiano Giuntoli, Romairone non ha brillato nelle sue ultime esperienze e la sua candidatura sembra legata alla possibile cessione della società a Brera Holdings, un fondo italo-americano. Questa trattativa di vendita sta chiaramente influenzando le scelte del club, con Iervolino che sembra concentrato più sulla vendita che sulla programmazione sportiva.

In questo clima di incertezza, la possibile nomina di Domenico Toscano come allenatore solleva ulteriori domande. Toscano ha avuto successo in Serie C e D, ma i suoi risultati in Serie B sono stati meno convincenti, con quattro esoneri su cinque esperienze. Pur essendo un tecnico capace, la sua nomina appare in contrasto con l’obiettivo di sviluppare un progetto basato su giovani talenti.

Ufficialmente, la Salernitana dichiara di voler prepararsi a vari scenari, in base al budget e agli eventuali nuovi investitori. Tuttavia, dall’esterno, l’impressione è di un’azione confusa e condizionata da fattori esterni incerti. Con il tempo che scorre, Iervolino e il suo team devono prendere decisioni definitive per il bene del club.

La Salernitana si trova a un bivio importante: chiarezza e determinazione nelle scelte potrebbero fare la differenza tra un futuro di successi e uno di mediocrità. Resta da vedere se la dirigenza saprà trovare le soluzioni giuste per garantire una pianificazione efficace e il rilancio del club.

SalernoGranata.it è una Testata Giornalistica Sportiva registrata presso il Tribunale di Salerno nr. 1028 del 30/07/2012.
Registrazione N° 12/12 del 2012

 

Copyright 2018 – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Powered by Slyvi