Le parole di Davide Nicola prima del Milan: Sambia è pronto

Scritto da Pasquale Iuzzolino  | 

Ecco di seguito le parole del mister della Salernitana Davide Nicola, in conferenza stampa pre match: domani Piatek e soci affronteranno il Milan dell'ex allenatore della Salernitana Stefano Pioli. 

Gyomber non è pronto, non sarà nella lista dei convocati. Fuori anche Sepe, Maggiore, Mazzocchi e Candreva come si sapeva da tempo. Per il resto stanno tutti bene. Abbiamo lavorato, affrontiamo il Milan Campione d’Italia che ha una squadra di qualità. Bisognerà correre per tenere testa, dobbiamo essere coraggiosi nel proporre il nostro gioco. Siamo consapevoli, ci siamo preparati al meglio. Servirà essere bravi a occupare gli spazi nei tempi giusti, loro sono sempre proiettati in avanti e possono concedere qualcosa.

 

Sambia? È pronto, è un ragazzo fantastico. Non ha saltato un allenamento, si impegna. Non ha giocato molte partite, ora tocca a lui. Salernitana cambiata rispetto alla gara col Milan di febbraio 2022? Sì, ci sono stati tanti cambiamenti. Anche la rosa è stata modificata. Dobbiamo essere più capaci in zona conclusiva dopo la mole di gioco creata, siamo un po’ sotto questo punto di vista. Non dobbiamo perdere duelli in difesa e non possiamo sbagliare i tempi di gioco. Tanti infortuni? Siamo al di sotto della media del campionato, le partite ravvicinate non permettono di curare la prevenzione.

Come sta la squadra? Abbiamo lavorato bene in queste settimane, voglio vedere un gruppo che sappia stare in campo e occupare bene gli spazi. Non siamo propensi a fare un altro tipo di gioco, soltanto Bronn può agire da terzino adattato, poi ho a disposizione centrali o braccetti. Formazione? Ho sperimentato delle rotazioni, possibile che partano Piatek e Dia dall’inizio, voglio valutare anche come si metterà il Milan. Dopo quattro giorni giocheremo ancora, nessuno è titolare inamovibile, sono tutti importanti.

Bonazzoli? Si è allenato bene, non ha perso un giorno d’allenamento. Sono soddisfatto del lavoro di tutti. Mercato? È arrivato Ochoa, la sua personalità potrà far bene. Il mercato è lungo, senza dubbio arriveranno altri giocatori e altri andranno via. Sono aspetti che curano il direttore e il presidente, mi confronto e dico quello che penso. Credo arriverà un esterno destro.