22 anni dalla tragedia del treno, il ricordo di Salerno

Scritto da Matteo Oliviero  | 

Sono passati 22 anni da quel maledetto 24 maggio 1999, giorno in cui quattro tifosi granata, di ritorno dalla trasferta di Piacenza, persero la vita.
Una tragedia che ancora oggi vive indelebile nella mente di ogni tifoso della Salernitana e non solo: "C'è un filo che lega cose apparentemente lontane. Alcuni le chiamano coincidenze, ma è un filo invisibile che lega ricordi ed emozioni. Emozioni, soffocate, dolorose che vorresti lasciare andare, liberare, come un vento impetuoso che tutto porta via. Ripensi, con la mente ritorni e vorresti urlare contro il vento… non doveva andare così quell'anno, non doveva andare così quel giorno…..Forse doveva andar così. Non servono le parole. Silenzio. Batte il cuore. Lo stavamo aspettando, quel treno, su quella banchina dove tutti eravamo fermi e immobili a 22 anni fa, ad un treno che da quel maledetto tunnel doveva uscire. Vi abbiamo visto e per la prima volta non era fuoco assassino la luce che abbiamo scorto. Vi abbiamo visto come doveva essere e non fu, vi abbiamo visto cantare ebbri di felicità e con le bandiere sventolanti dai finestrini e le sciarpe al collo. E insieme a voi i tanti che non sono più al nostro fianco. E in un attimo immaginato adulti, uomini, padri vivere una vita che dovevate vivere e con una squadra da sostenere come geneticamente impresso in chi vive la nostra terra. Vi abbiamo chiamato per nome tra la folla festante…Ciro, Peppe, Simone, Vincenzo…e come d'incanto si sono voltati tutti…perchè negli occhi e nel profondo di tutti eravate e restate lì e per sempre. Sono lacrime il vostro ricordo. E come un attimo o l'eternità sono sempre tempo, dolore e gioia: sono sempre lacrime. Nulla vale più di una vita, nulla può lenire quel dolore così atroce. Quel giorno, quella tragedia sarà difficile da cancellare impossibile da dimenticare. Oggi più di sempre e per sempre, non vi dimenticheremo".
E' questo il messaggio scritto via social dagli ultras del Direttivo Salerno per ricordare i quattro angeli dal cuore granata.