Conferenza Pre-Toro, Nicola: "Sarà la partita più tosta di quelle che abbiamo affrontato"

Il tecnico piemontese domani sfiderà il suo passato

Scritto da Alessio Esposito  | 

Domani sera alle ore 20:45 la Salernitana affronterà una gara decisiva per le sorti del suo campionato, quella contro il Torino di Ivan Juric, sconfitto nell'ultimo turno di campionato per mano del Genoa, diretta concorrente dei granata per la salvezza. Il Torino è anche l'ultima squadra allenata dall'attuale Mister granata, Davide Nicola, che in conferenza stampa pre-partita presenta così la gara contro il suo recente passato: "Sarà una partita tostissima, la più tosta di quelle che abbiamo affrontato in questo periodo. Loro sfruttano molto i cross laterali, il palleggio dei centrocampisti, e sono molto veloci nel ribaltare la situazione. Ti seguono a uomo costantemente, ma noi non vogliamo essere da meno. Juric sta facendo un ottimo lavoro, lo stimo molto. Dobbiamo cercare di produrre il massimo, credo nel lavoro che stiamo facendo. Queste due settimane abbiamo lavorato con molto entusiasmo e voglia. Indubbiamente non è cambiata molto la fase divensiva, ma quella offensiva sicuramente. Le partite non si vincono solo con una fase, purtroppo abbiamo ottenuto meno di quanto prodotto finora. Dobbiamo andare alla ricerca dell'equilibrio, abbiamo incontrato squadre forti, ma abbiamo dimostrato coraggio. La partita è tostissima, ma ci darà l'esatta dimensione su quello che stiamo cercando di raggiungere. La settimana di riposo ha fatto bene a tutti, sappiamo che dobbiamo fare di tutto per cercare di portare a casa l'intera posta in palio. Non mi interessa sapere se abbiamo il 7% o il 4%, dobbiamo vincere per portare entusiasmo e accorciare la classifica. Costerà fatica, ma si può fare, c'è sempre qualcosa da migliorare. In questo momento, vincere ci darebbe una grande iniezione di fiducia. Kastanos non ci sarà, ha sintomi influenzali ma non è positivo al Covid. Mousset è ancora infortunato, ma possiamo contare su tutti gli altri".

Su un possibile passaggio alla difesa a 3: "In queste partite non abbiamo mai avuto lo stesso atteggiamento tattico. Giochiamo sempre per essere aggressivi e produrre gioco. Abbiamo preso gol quasi sempre a difesa schierata, più per incertezze individuali. Per domani vi dico solo che giocheranno sicuramente Gyomber, Fazio, Ederson, Radovanovic e Djuric".

Una considerazione generale sugli elementi della Rosa: "Lassana sta bene, nessuno ha problemi, altrimenti non li convocherei. Può giocare dall'inizio o subentrare, come tutti gli altri. Mamadou stava rientrando, è stato impiegato anche contro la Juve, poi ha avuto questo infortunio, vediamo di che entità. Ho potuto osservare Bohinen, nella mediana può giocare in tutte le posizioni, ha un gioco posizionale interessante. E' cresciuto fisicamente e anche nella conoscenza del contesto in cui si trova, è molto intelligente nella lettura del gioco. Potrebbe avere un'occasione già domani. Strandberg era fuori lista quando sono arrivato, non credo ci saranno stravolgimenti in tal senso. Ribery sta bene, è migliorato notevolmente, anche se non è ancora al top, lo sarà in una settimana. Non ha più pensieri riguardo l'infortunio subìto. Verdi può giocare anche seconda punta, come tutti gli attaccanti che abbiamo a disposizione, Mikael compreso, eccetto Djuric. Di Tacchio e Jaroszynski sono fuori per scelte tecniche. Ciccio è un ragazzo fantastico, ma sto facendo altre scelte in questo momento. Inizierà un tour de force, bisogna che siano tutti pronti. Abbiamo seguito Edoardo (Vergani) in Nazionale, a me piace come giocatore, vediamo se dargli un'opportunità nelle prossime partite".