Castori a Sky: Abbiamo compiuto un'impresa

Scritto da Matteo Oliviero  | 

Fabrizio Castori, protagonista della cavalcata della Salernitana verso la terza promozione in A della sua storia, ha rilasciato una lunga intervista a Sky in cui ha parlato dell'impresa compiuta dai suoi ragazzi ma non solo: "Mi sento realizzato, sono contento perché intanto abbiamo realizzato un sogno. Non solo per me, ma per questa gente: da anni sognava un momento come questo. È un popolo rumoroso, molto caloroso. L’ultima promozione è sempre la più bella, anche perché è più fresca: vincere è bello, lo è ancora di più se recente. È stato un campionato molto complesso, anzitutto perché è durato sette mesi anziché nove. Senza peccare di presunzione, penso che abbiamo compiuto un’impresa".

Non mancano i ringraziamenti alla società: “Sono riconoscente a Lotito e Mezzaroma, nonché al direttore sportivo Fabiani: un allenatore senza società alle spalle fa fatica. Poi ovviamente la squadra. Chi vince ha un anima. Io ho le idee chiare su quello che dobbiamo fare: i concetti non vanno smantellati. Poi ogni categoria ha la sua tipicità, bisognerà inserire anche giocatori di Serie A. Mi piacciono giocatori di gamba, di velocità. Però se faccio un nome altisonante mi prendono in giro: prenderei volentieri Osimhen...No? Allora dico Mota Carvalho: in una squadra come la nostra farebbe molto bene”.

Castori ha poi detto la sua sull'espressione del suo modo di fare calcio: "Il bello è soggettivo. Se a me piace un calcio bello aggressivo, veloce, cercare la porta avversaria. Oggi è diventato di moda passare il pallone, io dico ai miei giocatori di attaccare la porta dell’avversario. A essere sincero quando vedo certe partite in televisione o cambio canale o mi addormento. Non capisco cosa servano tutti quei passaggi senza tirare in porta. Poi con questo sono arrivato a dieci campionati vinti: mi sento di dire che sono ancorato alle mie idee. Io guardo altri numeri: quanto veloce attacchiamo, quanto vinciamo i contrasti, quanto siamo bravi sulle seconde palle. A me piace il calcio di Klopp, di Simeone”.