Lealtà, passione e dedizione: Norbert Gyomber

Scritto da Pasquale Iuzzolino  | 

Più volte a Salerno s'è sottolineato, giustamente, di come sia importante vedere, a fine partita, le maglie intrinseche di sudore. Al di là del risultato che importa è sicuramente l'impegno e la dedizione messe in campo dai calciatori granata, uno su tutti l'ex Perugia Norbert Gyomber. Il difensore slovacco classe 1992 è stato più volte attaccato per alcune prestazioni sottotono e per non essere un difensore “elegante”. Per carità, non staremo parlando di Baresi o Maldini ma Gyomber, in granata dal 2020, ha guadagnato un posto da titolare a suon di buone prestazioni. Non è un caso che Castori, Colantuono ed anche Nicola lo inseriscano dal primo minuto. E ieri con lo Spezia l'ex Catania ha offerto un'altra grande prova, grazie alla quale i padroni di casa hanno ottenuto 3 punti preziosissimi in ottica salvezza. Ai vari professori e filosofi del web non piacerà, ma Gyomber incarna perfettamente ciò che viene chiesto alla squadra: lealtà, passione e dedizione. Lo slovacco ha sempre lavorato a testa bassa, specie quando le cose non andavano bene, mettendo sempre il bene comune al primo posto. 

1, 10, 100 Norbert Gyomber.