Quella odierna è una giornata assai triste per il popolo granata. La notizia della scomparsa a 82 anni di Mauro Pantani, campione di quella Salernitana che nei primi anni ’70 – con la presidenza di Giuseppe Tedesco - regalava emozioni e passione ai tifosi del Vestuti, lascia tutti con un velo di tristezza e malinconia. Alla vigilia del derby con il Napoli, la tifoseria granata è costretta a dire addio ad un calciatore simbolo della “salernitanità”, capace di giocate incredibili ma dotato allo stesso tempo di uno spirito indomito e di una caparbietà esemplare che ne facevano il perfetto “supereroe” nel cuore degli appassionati di fede granata. Nato in provincia di Arezzo nel 1940, Pantani arriva a Salerno nella stagione 1970/71, collezionando 32 presenze e 7 reti. L’anno successivo arriva la consacrazione definitiva ad astro del calcio, grazie alle 33 presenze e 17 reti, che gli valgono il titolo di capocannoniere. Lascerà Salerno nell’estate del 1972 e proseguirà la sua carriera lontano dal Vestuti, ma restando sempre nel cuore di chi lo ha ammirato in campo. 
“Con Mauro Pantani – dichiara il presidente del CCSC Riccardo Santoro – va via un monumento del calcio salernitano, una figura unica nei 104 anni di storia della nostra squadra. La sua grandezza è rappresentata dal fatto che anche chi non ha avuto la fortuna di ammirarlo direttamente in campo, lo ha apprezzato e ne è rimasto ammirato grazie ai racconti dei presenti in quegli anni al Vestuti. Grazie Mauro per le emozioni che ci hai fatto vivere con la casacca granata addosso, fai buon viaggio”.

SalernoGranata.it è una Testata Giornalistica Sportiva registrata presso il Tribunale di Salerno nr. 1028 del 30/07/2012.
Registrazione N° 12/12 del 2012

 

Copyright 2018 – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Powered by Slyvi