Le ferite fanno male, ma non c'è tempo: la Salernitana è attesa questo martedì al Penzo

Scritto da Ettore Aulisio  | 

Neanche il tempo di leccarsi le ferite che la Salernitana deve ritornare a pensare al calcio giocato. I granata di Stefano Colantuono scenderanno in campo martedì alle ore 18.30 al Penzo di Venezia, nella delicata e ultima sfida del trittico degli scontri diretti. Le due compagini arriveranno all'appuntamento prive di vittoria, avendo entrambe concluso già ieri il nono turno di campionato con due sconfitte, rispettivamente contro Sassuolo ed Empoli. I campani si ritroveranno oggi al Mary Rosy per l'allenamento di scarico, ma anche per mettersi in guardia in quello che si preannuncia un match da dentro fuori. Bisogna ripartire dal secondo tempo della gara contro l'Empoli, per questo Colantuono potrebbe valutare il cambio di modulo, passando dalla difesa a tre a quella a quattro. In questo ambito scalpita sulla destra Zortea, come scalpita Bonazzoli per la tanta attesa maglia da titolare nel reparto avanzato. Tolti i disponibili, il tecnico ex Atalanta spera di ritrovare qualche pedina di ritorno dall'infermeria, onde evitare scelte forzate che si potrebbero rilevarsi cruciali. Cola