La Dea arriva all'Arechi: la favola Atalanta marcata Gian Piero Gasperini

Tutto il punto sul match delle 20.45 di questa sera.

Scritto da Ettore Aulisio  | 

La Serie A giunge al quarto turno della sua programmazione. Il match serale del sabato sarà occupato dalle due pretendenti Salernitana e Atalanta, le quali si sfideranno alle ore 20.45 nell'impianto di Via Allende. I granata sono in grossa difficiltà, essendo reduci da tre sconfitte nelle prime tre partite del campionato. L'Atalanta ha raccolto quattro punti nei turni precedenti e proviene dal pari fuori casa contro il Villareal per 2-2 in Champions League. 

La Dea ha dimostrato e fatto vedere grande calcio negli ultimi anni, grazie al contributo di una società solida e di una guida tecnica degna di nota da parte dell'ex Salernitana Gian Piero Gasperini. L'Atalanta predilige il gioco dal basso, usando tutti e tre i centrali di difesa nello scambio del possesso. Punti di riferimento i due centrocampisti che pescano i due esterni a tutta fascia, abbassandosi fino all'area di rigore. In mezzo al campo il Gasp ci ha abituato a schierare, per diverse stagioni, la coppia Freuler e De Roon, con quest'ultimo assente per squalifica. A sostituire l'olandese sarà il suo connazzionale e neo arrivato Koopmeiners, calciatore proveniente dall'Eredivise e già nel giro della nazionale Orange. A tutta fascia, il grande lavoro a tutto campo di Gosens e Maehle frutterà molte palle al centro per gli attaccanti orobici che proveranno a deviare la palla in rete. Attenzione anche alla profondità, dove i due esterni tendono ad arrivare fino al fondo e crossare la palla all'indietro per il tiro a botta sicura di un proprio compagno. Tuttavia, in caso di pressing alto della squadra avversaria ,i difensori in possesso cercheranno la fisicità di Zapata per tenere la palla e duettare con i compagni nel tentativo di alzare la manovra verso l'area di rigore. La fase di non possesso, invece, trasforma i due esterni in difensori aggiunti, con la squadra chiusa e marcature strette.

Gli orobici si schiereranno con il 3-4-2-1: Musso tra i pali, Toloi, Demiral e Palomino in difesa. A centro del campo Koopmeiners e Freuler, con gli esterni Gosens e Maehle. In avanti, vista l'assensa per infortunio di Luis Muriel, Zapata sarà appoggiato da Malinovskyi e Pessina.