Salernitana, Nicola: "Siamo partiti disequilibrati, dobbiamo continuare a lavorare. Ora testa alla Juventus"

Scritto da Ettore Aulisio  | 

La Salernitana ha pareggiato in casa contro l'Empoli con il risultato di 2-2. Le due formazioni si sono divise la posta in palio, grazie alle reti di Satriano e Mazzocchi nel primo tempo e Dia e Lammers nella ripresa. Al termine del match, l'allenatore dei granata, Davide Nicola, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa.david

"Siamo partiti disequilibrati, con tempi di uscita nella pressione non sempre corretti e lenti nell'uscire dalla zona di recupero. Questo era un test interessante per vedere alcuni miglioramenti. Nel momento in cui direzionavamo la pressione a destra o sinistra, i tempi non erano così corretti e quando lo erano non siamo stati impeccabili. Nel secondo tempo ci è riuscito in maniera straordinaria, infatti è stata una partita completamente diversa. Peccato per il gol subito nel nostro momento migliore, questo fa capire che nel calcio e il calcio è anche bello per questo. Siamo coscienti e stiamo lavorando bene, siamo al quarto risultato consecutivo e questa squadra lotterà sempre per vincere".

"Io credo che il lavoro che stiamo facendo è importante, il lavoro diventa anche il recupero con tante partite in una settimana e allo stesso tempo vogliamo integrare le idee di gioco. Ho ragazzi intelligenti, che hanno tanta voglia di apprendere. Sono contento del debutto di Piatek e Danilulic, il primo deve trovare la forma e la troverà solo giocando, mentre l'inserimento del secondo ci ha dato una nuova intensità di palleggio. Maggiore deve rifiatare un po' e Lassana è in una forma smagliante, ora è difficile farne a meno. Al di là dei primi venticinque minuti, la squadra si è resa pericolosa e noi vogliamo sempre proporre un gioco di qualità, come accaduto nel secondo tempo. L'umiltà di una squadra è riconoscere il valore degli avversari, anche loro sono in partita e hanno tutti le proprie qualità. Ora arriva una partita davvero curiosa, andiamo in uno stadio importante contro una squadra di un certo calibro. Adesso ci stiamo divertendo, stiamo bene insieme".

"Tutte quelle che ho elencato sono risposte che ho percepito, deve migliorare l'equilibrio tra le due fasi e la capacità di rallentare i ritmi del gioco, senza diminuire quella del pallone. Questo è successo nel secondo tempo, infatti dopo si diventa più vulnerabili. Amo scoprire cosa c'è dall'altra parte, così lo sarà anche con la Juventus. Noi ci faremo trovare pronti, non si può avere tutto subito ma è altrettanto chiaro che a questa squadra piace proporre gioco".

"Tutti i miei giocatori sono da Nazionale, li alleno e vedo la loro crescita ogni giorno. Mazzocchi ha fatto una grandissima partita, non solo dal punto di vista della qualità ma anche nella varietà delle giocate che il ragazzo ha proposto. Lui deve continuare a lavorare, e soprattutto deve togliersi la soddisfazione di segnare un gol però evitando di togliersi la maglia".