Walter Sabatini: "Sono contento perché stavo cercando il presupposto per capire se questa squadra potrà ambire alla salvezza"

Scritto da Ettore Aulisio  | 

Il DS della Salernitana, Walter Sabatini, ha rilasciato delle dichiarazioni presso una nota emittente locale, esprimendo i suoi punti di vista sulla gara affrontata contro il Milan allo Stadio Arechi, sulla condizione mentale della squadra e sulla prima panchina di mister Davide Nicola. Ecco le parole di Sabatini:

"Abbiamo fatto una partita produttiva, forte. Volevamo il risultato e lo stavamo ottenendo. L'azione del secondo gol è strepitoso, avevamo creato il presupposto per un'impresa storica. Sono contento perchè stavo cercando dentro di me il presupposto per capire se questa potrà essere una squadra che ambirà alla salvezza. Prima dei risultati deve venire la squadra, quella squadra che desideriamo tutti. Sono soddisfatto, ma deluso per gli infortuni. Mi rammarica molto, non voglio perdere altri giocatori. L'impatto di Davide Nicola è stato straordinario, ha portato uno staff professionale. Sono molto contento".

"Abbiamo attaccato il Milan ad armi pari. Loro hanno dei campioni che noi non abbiamo, ma ce la siamo giocata e ci siamo misurati con loro. Nessuno dei nostri calciatori è sceso sotto l'insufficienza, ma ho trovato alcine insufficienze in giro per i giornali. Gli autori mi devono spiegare perchè sono comparse insufficienze che, a mio modo di vedere, non esistono".

"La Salernitana ha accettato l'uno contro uno, in tutte le due fasi. Bonazzoli e Djuric hanno fatto una partita straordinaria, se sono in grado di ripetere queste prestazioni le nostre speranze aumenteranno. Mazzocchi è un giocatore straordinario e può ambire a qualsiasi bene, ora deve pensare alla Salernitana, ma per le sue qualità può ambire a qualsiasi piazza".

"Nicola è stato colpito dal pubblico. Trovare un pubblico come questo di Salerno è difficile. Io con loro ho un legame forte, corretto e sono incredibilmente felice di questo. Lo è anche l'allenatore".

"A Salerno percepisco l'amore della gente, lo tocco con mano. Mi procura un debito verso di loro, probabilmente. Si contrae un debito, dopo tutto questo amore, io voglio saldarlo in fretta. Particolarmente a giugno. Restituirò questo amore, se non subito, in tempi brevi".

"Con Roberto Mancini ci siamo scambiati delle battute su Federico Bonazzoli, questo mi riempie d'orgoglio. Inoltre, proprio Roberto lo ha fatto esordire per la prima volta in Serie A, con la maglia dell'Inter. Non lo ricordavo, mi ha sorpreso".

"Le due partite da recuperare sono importanti. Sono due squadre come noi e hanno qualche punto in più. Dobbiamo ringraziare i nostri legali. La partita contro il Milan è solo un presupposto, nulla in più. La gente contro i rossoneri ha gioito, questo mi fa davvero contento. Noi cerchiamo di fare calcio, che è solo uno spettacolo".

"Devo ringraziare Stefano Colantuono. Ha lasciato la squadra con due pareggi importanti, anche quelli sono punti fondamentali. Comunque vada, la Salernitana dovrà essere grata anche a Colantuono, che è un grande professionista. Auguriamoci che Nicola abbia più fortuna di lui".

"Ieri Ederson ha percorso tanti km e ha fatto dei recuperi importanti e prodigiosi. Non sono preoccupato della sua condizione. Sono preoccupato dei tempi di gioco che dovrà assimilare. Mikael sta migliorando giorno dopo giorno, lui aveva una condizione fisica particolare. Si sta comportando bene e si sta impegnando moltissimo. I ragazzi stanno migliorando anche dal punto di vista della socializzazione interna allo spogliatoio, fattore essenziale per inserirsi al meglio all'interno del gruppo squadra. Questi saranno giocatori protagonisti della Salernitana nei prossimi mesi, ve lo garantisco".

sab