Non solo Salernitana: Mihajlovic e quella lettera commovente

Scritto da Pasquale Iuzzolino  | 

“Mi è capitato spesso di salutare tifosi, giocatori, società, città, per dire addio o arrivederci. Fa parte della carriera di un calciatore e di un allenatore andare via prima o poi. I sportivi nascono, si vogliono, regalano soddisfazioni, a volte delusioni e poi definitivamente finire. Nulla è eterno. Ma stavolta il sapore che mi lascia il mio voltarmi indietro un'ultima volta è più triste.

Perché non saluto solo una tifoseria che mi ha voluto bene e appoggiato in questi tre anni e mezzo ricchi di calcio e di vita, di lacrime di gioia e di dolore, di successi, cadute e ripartenze. Saluto dei fratelli e dei concittadini. La mia avventura a Bologna non è stata solo calcio, non è stata solo sport… E' stata un'unione di anime, un camminare insieme dentro un tunnel buio per rivedere la luce. Ho sentito la stima per l'allenatore e quella per l'uomo. Il vostro calore mi ha scaldato nei momenti più difficili. Ho cercato di ripagare tutto questo affetto con il mio totale impegno e attaccamento alla maglia: non risparmiandomi mai sul campo o da un letto di ospedale.

Tanti anni in Italia e la sofferenza vissuta mi hanno addolcito, ma non cambiato del tutto. Ho smussato qualche angolo, ma resto un serbo spesso duro, schietto, brusco: non sempre ho confessato i miei sentimenti di gratitudine. Magari non così regalare troppe parole dolci, non così lanciarmi in tanti abbracci: ma ho risposto “presente” con il mio feroce senso del dovere, non trascurando nulla del mio lavoro, svolgendo al massimo il mio ruolo, anche nelle condizioni piùtiche, per regalare ai tifosi e al Bologna le soddisfazioni che meritano. Spero di riuscire almeno in parte. Nei nostri tre anni e mezzo insieme abbiamo ottenuto un incredibile decimo posto, poi due volte un dodicesimo e infine un tredicesimo. Raggiungendo sempre, nonostante tutto – e sapete bene cosa è stato quel “tutto” -, una tranquilla salvezza: provando a fare un calcio propositivo e offensivo, lanciando giovani e permettendo al club di ottenere molto col mercato in uscita, come dimostrare le ultime sessioni. Potevo fare ancora meglio? Forse. Ho dato tutto me stesso? Sì, senza il minimo dubbio. E questo mi permette di guardare tutti a testa alta e non rimproverarmi nulla.

Se ci sono riuscito però è anche merito di voi tifosi e di tutta Bologna. Non dimenticherò mai le vostre processioni al santuario di San Luca per me, gli incoraggiamenti, i “forza Sinisa non mollare” quando mi incontravate per strada, a Casteldebole, allo stadio. E la mia emozione quando ho ricevuto la cittadinanza onoraria sentendomi un bolognese tra i bolognesi.

Non sono mai stato un ipocrita, non lo sarò neanche stavolta: non capisco questo esonero. Lo accetto, come un professionista deve fare, ma ritenevo la situazione assolutamente sotto controllo e migliorabile. La società non era del mio stesso avviso. Siamo appena alla quinta giornata, fatica a pensare che tutto questo dipenda solo dagli ultimi risultati o dalla classificazione e non sia una decisione covata da più tempo. Peccato. Ci tengo però a dire, che le mie condizioni di salute sono buone e in costante miglioramento. Io non mi sto più curando, sto solo facendo controlli sempre più saltuari. Ho seguito a Casteldebole tutti gli allenamenti in queste settimane: l'unico mio temporaneo impedimento è quello di non poter espormi per troppe ore a un sole forte. Ma non sono stato un [email protected] mi in panchina di lavorare e di andare. Non è questo il momento per analisi calcistiche sull'ultimo periodo, sul mercato, sulla gestione di alcune situazioni che non mi hanno trovato d'accordo. Ora, nel ricordare tanti momenti unici e indimenticabile, voglio solo dire grazie."

All'indomani dell'esonero da parte della società rossoblù, ecco la lettera dell'ex calciatore della Lazio. Una lettera commovente, che sintetizza un po' l'avventura dalla scoperta della brutta malattia fino all'esonero di qualche giorno fa. Inoltre, da sottolineare come l'allenatore Roberto de Zerbi abbia rifiutato la panchina felsinea per rispetto di Sinisa.